Tutto è grazia

IV Domenica T.Q. Anno A 2020

Aldo Vendemiati

cieco nato

La lunga pagina del Vangelo che la liturgia ci propone oggi (Gv 9,1-41) presenta, oltre a Gesù, altri personaggi o gruppi di personaggi: i suoi discepoli, i farisei, i genitori del cieco e il cieco stesso.

Siamo a Gerusalemme. Ai bordi della strada, dove la gente va e viene, c’è un uomo seduto a mendicare: è cieco dalla nascita. La sofferenza di quell’uomo interroga i discepoli di Gesù, ma non sul piano della compassione e della solidarietà; non si pongono il problema di come aiutarlo: vogliono sapere di chi è la colpa:

Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?

Non siamo anche noi, talvolta, vittime di questa mentalità? Di fronte alla terribile epidemia di questi tempi, ad esempio, non viene spontaneo chiedersi di chi è la colpa? Non parlo delle colpe oggettive di chi non rispetta le norme ed espone gli altri al contagio –…

View original post 571 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...